IL CAPITALE DI GIRO PER MONITORARE LA SOLVIBILITA'

Dal 2010 al 2016 in Italia sono fallite in media 13.000 attività commerciali l’anno. Abbiamo fatto degli approfondimenti per comprendere quali sono le Informazioni che sono mancate agli stakeholders dell’impresa (stato, enti pubblici, dipendenti, soci di minoranza, piccoli investitori, banche, mercati e fornitori esteri) che hanno dovuto scontare ingenti perdite. 

Gli indicatori di solvibilità che sono principalmente utilizzati per comprendere se l’azienda è in grado di onorare le proprie obbligazioni in un determinato istante di tempo, il 31.12.XX (chiusura del Bilancio) sono i seguenti: Acid test, Quick Ratio, Current Ratio, Debt ratio, D/E ratio.

E’ doveroso osservare che la scienza della finanza aziendale giunge a queste conclusioni applicando una riclassificazione delle poste patrimoniali di bilancio in ottica meramente temporale, ovvero per scadenza (t=12 mesi), pertanto gli accadimenti della gestione d’Impresa vengono riassunti come di seguito: 

ATTIVO CORRENTE

PASSIVO CORRENTE

ATTIVO FISSO

PASSIVO CONSOLIDATO

 

PATRIMONIO NETTO

     

Gli investimenti vengono separati appunto tra quelli che (verosimilmente) entro i successivi 12 mesi si trasformano in liquidità ed aggregati tutti nelle attività correnti e quelli che rimangono investiti in azienda nei successivi 12 mesi con una realizzabilità verosimile oltre i successivi 12 mesi i quali vengono aggregati nell’attivo fisso.  

Questa riclassificazione conosciuta come “metodo finanziario” è l’espressione pura di dottrina della Finanza Aziendale. A tale proposito ricordiamo che stiamo parlando di una disciplina che studia il valore dell’impresa nel suo organico complessivo in un dato istante temporale, tralasciando completamente distinzioni di merito sulla realtà dell’attività economica e della gestione dell’Impresa. 

 La riclassificazione del Bilancio dei valori patrimoniali con il “metodo finanziario” fornisce un indicatore molto utilizzato nella comunità internazionale della finanza che è il CCN, Capitale Circolante Netto (Working Capital) il quale viene appunto rappresentato dalla differenza matematica tra gli aggregati Attività correnti e Passività correnti. 

Tuttavia, al fine di una analisi di solvibilità dell’Impresa “stand-alone” che produce e vende beni/servizi per un determinato mercato di clientela, l’indicatore CCN non permette di dare giudizi attendibili sulla capacità dinamica dell’azienda di onorare i propri debiti di breve periodo attraverso l’esercizio della sua attività economica. 

Questo, dovutamente al fatto che il CCN (Working Capital) include attività e passività di natura finanziaria che sono appunto costituite dalla liquidità giacente in un dato temporale al 31.12.XX. Questa variabile finanziaria non è sempre correlabile in maniera attendibile all’attività economica esercitata dell’Impresa infatti gli Investitori/finanziatori desiderano valutare il ciclo operativo (acquisto-trasformazione-vendita) che sia sostenibile in un determinato arco temporale. Un esempio tipico che influenza il CCN è costituito dai finanziamenti dei soci o di terzi.  

Nell’ottica della gestione del rischio d’Impresa, il motore di analisi UNIGIRO al fine di comprendere la reale capacità dell’attività economica di onorare i propri debiti attraverso la gestione tipica è necessario analizzare in dettaglio la composizione del CCN scomponendo le attività e passività correnti (o di breve) secondo la loro natura commerciale e/o finanziaria come segue:

ATTIVO CORRENTE

PASSIVO CORRENTE

CCN:

Attività operative correnti

Passività operative correnti

Capitale di Giro

Attività finanziarie correnti

Passività finanziarie correnti

Liquidità netta

 

 

 

 

 

 

In conclusione non è possibile affrontare un’analisi di solvibilità adeguata senza tenere in considerazione della dinamica del Capitale di Giro quale indicatore del reale fabbisogno finanziario di breve periodo generato dall’operatività dell’attività economica di un’azienda.

 


Studio Lupini srl
Via Don Rosmini, 4
21052 Busto Arsizio (VA) IT
TEL: (39) 0331 629084
MAIL: info@studiolupini.it
P.IVA: 03611190129
Image
Image
Image
Amazon PayPal
Image
INFORMAZIONI GENERALI
EUROPEAN PRIVACY POLICY