Rapporto di indebitamento

TOTALE PASSIVO / TOTALE ATTIVO

Questo indicatore misura in termini percentuali l'incidenza del totale delle fonti di finanziamento provenienti dai terzi sul totale del capitale investito 

I valori del quoziente sono individuati nel totale delle fonti di capitale di terzi (totale passività) e nel totale degli impieghi di capitale (attività) i quali sono entrambe facilmente desumibili dalla situazione patrimoniale di un'impresa in un determinato istante temporale.

Il rapporto di indebitamento tra il totale delle passività (passività correnti + passività consolidate) ed il totale delle attività (totale attività) è tipicamente utilizzato in finanza aziendale per calcolare la rischiosità del debito dell'impresa. Infatti la tecnica del Capital Asset Pricing Model (CAPM) utilizza questo quoziente per individuare la rischiosità dell'impresa indebitata all'interno di un determinato settore ovvero il (β.debt) dell'impresa andando a valutare la struttura finanziaria dell'impresa nel suo complesso.

Questo rapporto esprime in maniera oggettiva la struttura dell'indebitamento dell'impresa ed indica l'ammontare dei soldi che l'impresa deve pagare ai propri creditori nel suo complessivo senza fare particolari distinzioni relativamente a natura dei debiti e loro scadenze temporali.

Il suo utilizzo è decisamente allargato nel mondo Bancario perché vuole essere inteso come una espressione del rischio di lungo periodo dell'impresa e quindi viene usato per svolgere  analisi di solvibilità sull'impresa nel lungo termine.

Risultato di un rapporto tra valori aggregati del bilancio questo indicatore presenta numerosi punti di criticità, non è specifico, nel senso che non considera le  differenti tipologie di creditori dell'impresa equiparando così i debiti di natura finanziaria (come i Mutui in conto corrente) con i debiti di natura commerciale (come i debiti operativi per gli acquisti di beni/servizi da fornitori, i debiti verso i locatori di beni utilizzati dall'impresa per l'attività etc..) e non considera il fattore tempo. 

Pertanto, questo indicatore non essendo strettamente legato alla natura delle singole poste patrimoniali che compongono il "totale delle passività" ed alle relative scadenze temporali è pressoché poco indicativo per poter dare giudizi verosimilmente più o meno attendibili sul merito di credito dell'impresa. Va da se che potrà essere solo indicativo nel lungo periodo in quanto il rapporto di indebitamento esprime un valore assoluto "stand alone" che richiede necessariamente ulteriori approfondimenti ad ampio raggio. 

Nel gergo comune anglosassone il rapporto di indebitamento prende il termine di debt-ratio

 

Studio Lupini srl
Via Don Rosmini, 4
21052 Busto Arsizio (VA) IT
MAIL: info@studiolupini.it
VAT:  IT 03611190129
Image
Image
Image
Amazon PayPal
Image
INFORMAZIONI GENERALI
EUROPEAN PRIVACY POLICY